Neurobase.it
XagenaNewsletter
Tumori testa-collo
Medical Meeting

Stimolazione cerebrale profonda del globo pallido versus stimolazione subtalamica per la malattia di Parkinson


La stimolazione cerebrale profonda è la procedura chirurgica di elezione per i pazienti con malattia di Parkinson in stadio avanzato.

Il globo pallido interno e il nucleo subtalamico sono due bersagli accettati per questa procedura.

Sono stati confrontati gli esiti a 24 mesi in pazienti sottoposti a stimolazione bilaterale del globo pallido interno ( stimolazione del pallido ) o del nucleo subtalamico ( stimolazione subtalamica ).

In totale, 299 pazienti con malattia di Parkinson idiopatica sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere stimolazione del pallido ( 152 pazienti ) o stimolazione subtalamica ( 147 pazienti ).

L’esito primario era il cambiamento nella funzione motoria, valutato in cieco alla scala Unified Parkinson's Disease Rating Scale, parte III ( UPDRS-III ), mentre i pazienti ricevevano stimolazione ma non farmaci antiparkinson.
Gli esiti secondari comprendevano invece funzione riportata dal paziente, qualità di vita, funzione neurocognitiva ed eventi avversi.

I cambiamenti medi nell’esito primario non hanno mostrato differenze significative nei due gruppi ( P=0.50 ), così come per la funzione riferita dal paziente.

I pazienti in trattamento con stimolazione subtalamica hanno richiesto una dose inferiore di farmaci dopaminergici rispetto a quelli trattati con stimolazione del pallido ( P=0.02 ).

Una componente della velocità di processamento ( visuomotoria ) è peggiorata in modo più evidente dopo stimolazione subtalamica che dopo stimolazione del pallido ( P=0.03 ).

Il livello di depressione è peggiorato dopo stimolazione subtalamica e migliorato dopo stimolazione del pallido ( P=0.02 ).

Eventi avversi gravi si sono manifestati nel 51% dei pazienti nel gruppo stimolazione del pallido e nel 56% di quelli del gruppo stimolazione subtalamica, senza differenze significative tra i gruppi a 24 mesi.

In conclusione, pazienti con malattia di Parkinson hanno mostrato miglioramenti simili nella funzione motoria dopo stimolazione subtalamica o del pallido.
Fattori non-motori potrebbero verosimilmente essere inclusi nella selezione dei bersagli chirurgici della stimolazione cerebrale profonda. ( Xagena2010 )

Follett KA et al, N Engl J Med 2010; 362: 2077-2091

Neuro2010


Indietro