Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Rischio di suicidio tra i pazienti con malattia di Parkinson


Il Parkinson è una malattia neurodegenerativa sempre più comune in molte società che invecchiano. Sebbene le comorbilità con i disturbi mentali siano comuni nella malattia di Parkinson, non è chiaro se il Parkinson è associato ad un aumentato rischio di suicidio.

È stata utilizzata un'ampia coorte nazionale rappresentativa di malattia di Parkinson per confrontare il rischio di suicidio nei pazienti con malattia di Parkinson e partecipanti di controllo e sono stati identificati potenziali fattori di rischio.

Uno studio di coorte nazionale basato sulla popolazione ha utilizzato dati del Sistema di Assicurazione sanitaria nazionale di Taiwan e dal Registro dei decessi di Taiwan tra il 2002 e il 2016.
I pazienti con malattia di Parkinson incidente diagnosticato tra il 2005 e il 2014 sono stati seguiti fino al 2016.

Sono stati selezionati casualmente 4 partecipanti di controllo della popolazione generale per campionamento del set di rischio e sono stati abbinati per età, sesso e residenza a ciascun individuo affetto; sono state analizzate le diagnosi di malattia di Parkinson recuperate dal set di dati dell'Assicurazione sanitaria nazionale.

Il suicidio è stato registrato nel Registro dei decessi di Taiwan. I modelli proporzionali di Cox e gli hazard ratio ( HR ) sono stati utilizzati per stimare l'associazione tra malattia di Parkinson e rischio di suicidio nel periodo di follow-up.

In 11 anni, sono stati seguiti 35.891 pazienti con malattia di Parkinson ( 17.482 donne, 48.7%; età media 72.5 anni ) e abbinati a 143.557 partecipanti di controllo ( 69.928 donne, 48.7%; età media, 72.5 anni ).

In totale 151 pazienti con malattia di Parkinson ( incidenza cumulativa, 66.6 per 100.000 ) e 300 partecipanti di controllo ( incidenza cumulativa, 32.3 per 100.000 ) sono morti per suicidio.

Il rischio di suicidio è stato più alto ( HR, 2.1 ) nei pazienti con malattia di Parkinson rispetto ai partecipanti di controllo, dopo aggiustamento per i marcatori di posizione socioeconomica, comorbilità mediche e demenza.
Dopo aver controllato per i disturbi mentali, l'associazione tra malattia di Parkinson e rischio di suicidio è rimasta ( HR, 1.9 ).

Rispetto ai partecipanti di controllo morti per suicidio, coloro che sono morti per suicidio nel gruppo malattia di Parkinson erano leggermente più giovani ( età media: pazienti con malattia di Parkinson, 74.0 anni vs partecipanti di controllo, 76.0 anni; P=0,05 ) e avevano più probabilità di vivere in un centro urbano ( urbanizzazione media, 39 pazienti con Parkinson, 25.8%, vs 115 partecipanti di controllo, 38.3%; urbanizzazione alta, 84 pazienti con Parkinson, 55.6%, vs 136 partecipanti di controllo, 45.3%; P=0,03 ), avere disturbi mentali ( depressione, 15 su 151 pazienti con Parkinson, 9.9%, vs 15 su 300 partecipanti di controllo, 5.0%; altri disturbi mentali, 12 pazienti con Parkinson, 8.0%, vs 11 partecipanti di controllo, 3.7%; P=0.02 ) e adottare il salto come metodo di suicidio ( 21 pazienti con Parkinson, 13.9%, vs 16 partecipanti di controllo, 5.3%; P minore di 1.01 ).

In questo studio di coorte basato sulla popolazione, la malattia di Parkinson, un disturbo neurodegenerativo comune nelle persone anziane, è stata indipendentemente associata a un aumentato rischio di suicidio.

L'integrazione dell'assistenza sanitaria mentale nelle cure primarie e nelle cure specialistiche di Parkinson, insieme a interventi socio-ambientali, può aiutare a ridurre il rischio di suicidio nei pazienti con Parkinson. ( Xagena2021 )

Chen YY et al, JAMA Psychiatry 2021; 78: 293-301

Psyche2021 Neuro2021



Indietro