Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Preladenant nei pazienti con malattia di Parkinson e fluttuazioni motorie


Preladenant è un antagonista del recettore dell’adenosina 2A. In modelli animali di malattia di Parkinson, la monoterapia con Preladenant migliora la funzione motoria senza causare discinesia e, in aggiunta a Levodopa, migliora la funzione motoria senza peggiorare la discinesia.

Uno studio ha valutato l’efficacia e la sicurezza di Preladenant in pazienti con malattia di Parkinson e fluttuazioni motorie in trattamento con Levodopa e altri farmaci antiparkinsoniani.

In questo studio di fase 2 di sode-finding ( determinazione del dosaggio ottimale ), i pazienti con malattia di Parkinson in trattamento con Levodopa sono stati arruolati e trattati in 44 Centri in 15 Paesi nel periodo 2006-2008.

I pazienti sono stati assegnati a ricevere 1, 2, 5 o 10 mg di Preladenant per via orale 2 volte al giorno o placebo per 12 settimane.

L’esito primario era il cambiamento nell’off time medio quotidiano rispetto al basale alla settimana 12, come valutato dai diari personali.

Le analisi di efficacia hanno incluso tutti i pazienti che avevano ricevuto almeno una dose del farmaco dello studio e sono stati sottoposti a valutazione dei dati dopo il basale.

In totale, 253 pazienti sono stati randomizzati a ricevere Preladenant ( 1 mg [ n=49 ], 2 mg [ n=49 ], 5 mg [ n=49 ], 10 mg [ n=57 ] ) oppure placebo ( n=49 ); di questi 234 trattati con Preladenant ( 1 mg [ n=47 ], 2 mg [ n=48 ], 5 mg [ n=45 ], 10 mg [ n=49 ] ) e placebo ( n=45 ) sono risultati eleggibili per l’analisi di efficacia.

L’off time medio quotidiano dal basale alla settimana 12 è risultato ridotto versus placebo nei pazienti trattati con 5 mg di Preladenant ( differenza -1.0 ora; p=0.0486 ) e 10 mg di Preladenant ( -1.2 ore; p=0.019 ).

I cambiamenti medi nell’off time medio quotidiano versus placebo non sono risultati significativi per 1 mg di Preladenant ( 0.2 ore; p=0.753 ) o 2 mg di Preladenant ( -0.7 ore; p=0.162 ).

I più comuni eventi avversi nel gruppo Preladenant combinato versus placebo sono stati peggioramento della malattia di Parkinson ( 11% vs 9% ), sonnolenza ( 10% vs 6% ), discinesia ( 9% vs 13% ), nausea ( 9% vs 11% ), costipazione ( 8% vs 2% ) e insonnia ( 8% vs 9% ).

In conclusione, 5 e 10 mg di Preladenant 2 volte al giorno sono clinicamente utili per ridurre l’off time nei pazienti con malattia di Parkinson e fluttuazioni motorie. ( Xagena2010 )

Hauser RA et al, Lancet Neurol 2011; 10: 221-229


Neuro2011 Farma2011


Indietro