Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

L’Ibuprofene sembra ritardare o prevenire la malattia di Parkinson


Uno studio, coordinato da Alberto Ascherio dell’Harvard School of Public Health, ha valutato se l’impiego di farmaci antinfiammatori non steroidei ( FANS ) fosse associato ad un più basso rischio di malattia di Parkinson in un’ampia coorte di uomini e donne negli Stati Uniti.

Lo studio ha interessato 146.948 persone arruolate nel Cancer Prevention Study II Nutritional Cohort.

I Ricercatori hanno osservato che i soggetti che avevano fatto uso regolare di Ibuprofene ( Brufen ) presentavano un rischio ridotto del 35% di sviluppare la malattia di Parkinson rispetto ai non utilizzatori.

Rispetto ai non utilizzatori, il rischio relativo ( RR ) era 0.73 per coloro che assumevano meno di 2 compresse a settimana di Ibuprofene, 0.72 per 2-6.9 compresse a settimana e 0.62 per 1 o più compresse al giorno ( p per trend = 0.03 ).

Nessuna associazione è stata trovata tra l’assunzione di Aspirina, altri farmaci antinfiammatori non steroidei o Acetaminofene ( Paracetamolo ) ed il rischio di malattia di Parkinson.

I risultati indicano che l’Ibuprofene può ritardare o prevenire l’insorgenza di malattia di Parkinson.( Xagena2005 )

Chen et al, Ann Neurol 2005; 58: 963-967


Neuro2005 Farma2005


Indietro