Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

La qualità di vita a breve termine dopo la stimolazione subtalamica dipende dai sintomi non-motori nella malattia di Parkinson


La stimolazione cerebrale profonda ( DBS ) del nucleo subtalamico ( STN ) migliora la qualità di vita ( QoL ), i sintomi motori e non-motori nella malattia di Parkinson avanzata.
Tuttavia, è stata osservata una considerevole variabilità interindividuale per l'esito della qualità di vita.
Si è ipotizzato che le caratteristiche demografiche e preoperatorie dei sintomi non-motori possano predire l'esito della qualità di vita nel postoperatorio.

In uno studio prospettico multicentrico ( Colonia, Manchester, Londra ), che ha riguardato 88 pazienti, sono state raccolte le seguenti scale prima dell'intervento e al follow-up 6 mesi dopo l'intervento: PDQuestionnaire-8 ( PDQ-8 ), NMSScale ( NMSS ), NMSQuestionnaire ( NMSQ ), Scales for Outcomes in PD ( SCOPA ) per esame motorio, complicazioni ed attività di vita quotidiana, dose giornaliera di Levodopa equivalente.

I pazienti sono stati suddivisi in responder / non-responder riguardo alla qualità di vita e analizzati per fattori associati al miglioramento della qualità di vita con correlazioni di Spearman tra i punteggi dei test di base e miglioramento della qualità della vita, regressioni lineari con i punteggi dei test di base come variabili indipendenti e miglioramento della QoL come variabile dipendente, regressioni logistiche che hanno utilizzano i responder / non responder come variabili dipendenti.

Tutti i risultati sono migliorati significativamente nel follow-up. Tuttavia, circa il 44% dei pazienti sono stati classificati come QoL non-responder.

Le correlazioni di Spearman, le analisi di regressione lineare e logistica sono state significative per le scale NMSS e NMSQ ma non per l'esame motorio SCOPA.

Post-hoc, sono stati identificati sintomi non-motori specifici ( reazione sempre uguale a stimoli diversi, difficoltà a provare piacere, dolore, svuotamento della vescica ) come contributi significativi all’esito delal qualità di vita.

In conclusione, i risultati hanno dimostrato che il miglioramento della qualità della vita dopo stimolazione cerebrale profonda del nucleo subtalamico dipende dalle caratteristiche degli stimoli non-motori preoperatori.
Questi risultati sono importanti nella consulenza e nella selezione di individui per la terapia con stimolazione cerebrale profonda. ( Xagena2018 )

Dafsari HS et al, Brain Stimul 2018; 11: 867-874

Neuro2018



Indietro