Neurobase.it
XagenaNewsletter
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

I sintomi assiali predicono la mortalità nei pazienti con malattia di Parkinson, sottoposti a stimolazione subtalamica


È stato caratterizzato il modo in cui la progressione della malattia è associata alla mortalità in un'ampia coorte di pazienti con malattia di Parkinson con follow-up a lungo termine dopo stimolazione cerebrale profonda del nucleo subtalamico ( STN-DBS ).

Le disabilità motorie e cognitive sono state valutate prima e 1, 2, 5 e 10 anni dopo stimolazione STN-DBS in 143 pazienti con Parkinson.
Sono stati misurati i sintomi motori con Levodopa off e on e stimolazione STN-DBS, e sono state registrate le cause di morte.
È stata caratterizzata la progressione dei sintomi, comprese le interazioni tra le condizioni di trattamento e il tempo per determinare come i trattamenti hanno cambiato l'efficacia.
È stata collegata la progressione dei sintomi alla mortalità.

Il tempo di osservazione mediano è stato di 12 anni dopo l'intervento chirurgico, durante il quale sono peggiorati acinesia, rigidità e sintomi assiali, con aumenti medi di 8.8, 1.8 e 5.4 punti dall'anno 1-10 dopo l'intervento ( Dopamina on / stimolazione STN-DBS on ), rispettivamente.

Le risposte ai farmaci dopaminergici e alla stimolazione STN-DBS si sono attenuate nel tempo, ma sono rimaste efficaci per tutti tranne i sintomi assiali, per i quali era stato previsto che i trattamenti e la loro combinazione fossero inefficaci 20 anni dopo l'intervento chirurgico.

Lo stato cognitivo è notevolmente diminuito.

41 pazienti sono deceduti, con un tempo mediano alla morte di 9 anni dopo l'intervento chirurgico.

Il livello corrente di disabilità assiale è stato l'unico sintomo che ha predetto significativamente la morte ( hazard ratio, HR 4.30 ).

È stata quantificata la progressione dei sintomi a lungo termine e l'attenuazione dei farmaci dopaminergici e l'efficacia della stimolazione cerebrale profonda del nucleo subtalamico nei pazienti con malattia di Parkinson ed è stata collegata la progressione dei sintomi alla mortalità.
La disabilità assiale prevede in modo significativo il rischio individuale di morte dopo l'intervento chirurgico, che può essere utile per pianificare strategie terapeutiche nella malattia di Parkinson. ( Xagena2019 )

Lau B et al, Neurology 2019; 92: 2559-2570

Neuro2019



Indietro