Neurobase.it
Tumori testa-collo
XagenaNewsletter
Medical Meeting

Film sublinguale di Apomorfina per episodi off nella malattia di Parkinson


Molti pazienti con malattia di Parkinson hanno episodi potenzialmente disabilitanti che non sono prevedibilmente sensibili alla Levodopa.
Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia del film sublinguale di Apomorfina come terapia su richiesta per episodi off nei pazienti con malattia di Parkinson.

Uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo è stato condotto da specialisti dei disturbi del movimento in 32 siti negli Stati Uniti e 1 in Canada.
ERano eleggibili i pazienti con malattia di Parkinson che avevano 2 ore o più di tempo off al giorno con periodi off mattutini prevedibili, rispondevano alla Levodopa e assumevano dosi stabili di farmaci anti-parkinsoniani.

In una fase di titolazione in aperto, sono state somministrate dosi crescenti di film sublinguale di Apomorfina ( 10-35 mg ) fino a quando non è stata raggiunta una risposta tollerabile completa.
I pazienti sono stati quindi assegnati in modo casuale a ricevere la dose efficace di film sublinguale di Apomorfina o placebo corrispondente in una fase di mantenimento in doppio cieco di 12 settimane.
La randomizzazione non è stata stratificata.

L'endpoint primario era il cambiamento in clinica da pre-dose a 30 minuti post-dose nel punteggio MDS-UPDRS ( Movement Disorder Society Unified Parkinson's Disease Rating Scale ) parte 3 ( motoria ) alla settimana 12, analizzato su una popolazione intention-to-treat modificata.
Sono state condotte analisi di sicurezza su tutti i pazienti arruolati che hanno ricevuto almeno una dose di farmaco in studio.

Tra il 2015 e il 2017, 109 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale a ricevere film sublinguale di Apomorfina ( n=54 ) oppure placebo ( n=55 ).
Tutti i pazienti hanno ricevuto il trattamento di studio assegnato e 34 ( 63% ) su 54 pazienti trattati con film sublinguale di Apomorfina e 46 ( 84% ) su 55 trattati con placebo hanno completato lo studio.

Il cambiamento medio dei minimi quadrati da pre-dose a 30 minuti post-dose nel punteggio MDS-UPDRS parte 3 alla settimana 12 è stato pari a −11.1 con film sublinguale di Apomorfina e −3.5 con placebo ( differenza −7.6, P=0.0002 ).

Gli eventi orofaringei da lievi a moderati sono stati gli effetti collaterali più comuni, riportati in 17 ( 31% ) su 54 pazienti trattati con film sublinguale di Apomorfina e in 4 ( 7% ) su 55 pazienti trattati con placebo, portando alla sospensione del trattamento in 9 ( 17% ) pazienti trattati con Apomorfina e in 1 ( 2% ) paziente trattato con placebo.

Altri eventi avversi emergenti dal trattamento sono stati nausea transitoria ( in 15, 28%, pazienti trattati con film sublinguale di Apomorfina ), sonnolenza ( 7, 13% ) e vertigini ( 5, 9% ).
Ipotensione ortostatica, sincope, discinesia, allucinazioni, prolungamento dell'intervallo QT e disturbi del controllo degli impulsi sono risultati rari ( prevalenza minore o uguale al 2% in tutti i pazienti ) o non si sono verificati.

Un paziente trattato con film sublinguale di Apomorfina con fattori noti di rischio cardiaco ha avuto un arresto cardiaco ad esito fatale.

Sebbene quasi un terzo dei pazienti abbia interrotto il trattamento principalmente a causa degli effetti collaterali orofaringei, il film sublinguale di Apomorfina ha fornito un trattamento efficace e su richiesta per episodi off per la maggior parte dei pazienti con malattia di Parkinson nello studio.
La sicurezza e l'efficacia a lungo termine del film sublinguale di Apomorfina sono attualmente allo studio. ( Xagena2020 )

Olanow CW et al, Lancet Neurology 2020; 19: 135-144

Neuro2020 Farma2020


Indietro