Amsterdam congress
Tumori testa-collo
XXIII World Congress of Neurology
XVII Congresso Nazionale SIRN

Esiti comportamentali della stimolazione subtalamica e terapia medica rispetto alla sola terapia medica per la malattia di Parkinson con complicanze motorie in fase iniziale: studio EARLYSTIM


Sebbene la stimolazione subtalamica sia un trattamento riconosciuto per le complicanze motorie nella malattia di Parkinson, i resoconti sugli esiti comportamentali sono controversi, il che rappresenta una sfida importante quando si consigliano pazienti candidati alla stimolazione subtalamica.

Sono stati valutati i cambiamenti nel comportamento dei pazienti con malattia di Parkinson che hanno ricevuto un trattamento combinato con stimolazione subtalamica e terapia medica per un periodo di follow-up di 2 anni rispetto all'evoluzione comportamentale con la sola terapia medica.

È stato condotto lo studio in aperto EARLYSTIM in 17 Centri chirurgici in Francia ( n=8 ) e in Germania ( n=9 ).
Sono stati reclutati pazienti con malattia di Parkinson con disabilità da complicazioni motorie iniziali.
I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale alla sola terapia medica o alla stimolazione subtalamica bilaterale più terapia medica.

L'esito primario era il cambiamento medio della qualità di vita dal basale a 2 anni.

È stata inoltre effettuata una analisi secondaria per valutare gli esiti comportamentali. È stata usata la scala ASBPD ( Ardouin Scale of Behavior in Parkinson's Disease ) per valutare i cambiamenti nel comportamento tra il basale e 2 anni di follow-up.
È stata anche misurata l'apatia usando la scala SAS ( Starkstein Apathy Scale ), e la depressione è stata valutata con la scala BDI ( Beck Depression Inventory ).
L'analisi secondaria è stata effettuata in tutti i pazienti reclutati.

Sono stati riportati i risultati solo della analisi secondaria.

Tra il 2006 e il 2009 sono stati reclutati 251 partecipanti, di cui 127 hanno ricevuto solo terapia medica e 124 sono stati sottoposti a stimolazione subtalamica bilaterale più terapia medica.

A 2 anni di follow-up, la dose Levodopa - equivalente è stata ridotta del 39% ( -363.3 mg/die ) negli individui assegnati a stimolazione subtalamica bilaterale più terapia medica ed è stata aumentata del 21% ( 245.8 mg/die ) in quelli assegnati alla sola terapia medica ( P minore di 0.0001 ).

Le fluttuazioni neuropsichiatriche sono diminuite con la stimolazione subtalamica bilaterale più la terapia medica durante il follow-up di 2 anni ( variazione media -0.5 punti ) e non sono cambiate con la sola terapia medica ( -0.02 punti ); la differenza tra i gruppi nel cambiamento rispetto al basale è stata significativa ( P=0.0028 ).

A 2 anni, il sottopunteggio sulla scala di Ardouin per i disturbi comportamentali iperdopaminergici è diminuito con la stimolazione subtalamica bilaterale più terapia medica ( variazione media -1.26 punti ) ed è aumentato con la sola terapia medica ( 1.12 punti ); la differenza tra i gruppi è stata significativa ( P minore di 0.0001 ).

La variazione media dal basale a 2 anni nel sottoscala della scala di Ardouin per i disturbi comportamentali ipodopaminergici, il punteggio alal scala SAS e il punteggio alla scala BDI non sono variati tra i gruppi di trattamento.

Gli antidepressivi sono stati interrotti in 12 pazienti assegnati a stimolazione subtalamica bilaterale più terapia medica rispetto a 4 pazienti trattati con la sola terapia medica.
I neurolettici sono stati avviati in 9 pazienti assegnati alla terapia medica da sola rispetto a un paziente assegnato alla stimolazione subtalamica bilaterale più terapia medica.

Durante il follow-up di 2 anni, due persone assegnate alla stimolazione subtalamica bilaterale più terapia medica e una persona assegnata alla sola terapia medica sono deceduti per suicidio.

In un'ampia coorte con la malattia di Parkinson e le prime complicanze motorie, sono stati osservati migliori risultati comportamentali generali con la stimolazione subtalamica bilaterale più terapia medica rispetto alla sola terapia medica.
La presenza di comportamenti iperdopaminergici e le fluttuazioni neuropsichiatriche possono essere giudicati argomenti aggiuntivi a favore della stimolazione subtalamica se la chirurgia viene presa in considerazione per la disabilitazione delle complicanze motorie. ( Xagena2018 )

Lhommée E et al, Lancet Neurol 2018; 17: 223-231

Neuro2018 Chiru2018 Farma2018


Indietro