Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Efficacia dell'esercizio aerobico a casa supervisionato a distanza nella malattia di Parkinson


L'esercizio aerobico ad alta intensità potrebbe attenuare i sintomi della malattia di Parkinson, ma le evidenze di alta qualità sono scarse.
Inoltre, l'adesione a lungo termine rimane impegnativa.

È stata valutata l'efficacia dell'esercizio aerobico a casa, per promuovere l'aderenza, sull'alleviamento dei sintomi motori nei pazienti con malattia di Parkinson di gravità lieve che erano in regime di trattamento comune.

Nello studio clinico randomizzato, in doppio cieco Park-in-Shape, sono stati reclutati pazienti sedentari con malattia di Parkinson dalla clinica ambulatoriale di Radboudumc, Nimega, Paesi Bassi.
Sono stati inclusi pazienti di età compresa tra 30 e 75 anni con uno stadio Hoehn e Yahr di 2 o inferiore, che erano in trattamento con farmaci dopaminergici stabili.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale all'esercizio aerobico svolto con attrezzi a casa ( gruppo di intervento aerobico ) o allo stretching ( gruppo di controllo attivo ) mediante un sistema basato sul web con minimizzazione del sesso e dello stato della terapia ( trattato o non-trattato ).

Entrambi gli interventi erano a domicilio e richiedevano un allenamento di 30-45 minuti tre volte a settimana per 6 mesi.
Entrambi i gruppi hanno ricevuto un'app motivazionale e una supervisione remota.

L'esito primario era la differenza tra i gruppi nella sezione motoria alla scala MDS-UPDRS ( Movement Disorders Society-Unified Parkinson's Disease Rating Scale ) a 6 mesi, testata durante lo stato off ( 12 o più ore dopo l'ultimo farmaco dopaminergico ).
L'analisi è stata condotta nei pazienti che hanno completato la valutazione di follow-up, indipendentemente dal fatto che abbiano completato l'intervento assegnato.

I pazienti hanno riportato eventi avversi direttamente al proprio allenatore e anche dopo la visita a 6 mesi in modo retrospettivo.
Una differenza tra i gruppi di 3.5 punti o più è stata considerata a priori clinicamente rilevante.

Tra il 2015 e il 2017, 139 pazienti sono stati valutati per l'idoneità, di cui 130 sono stati assegnati in modo casuale al gruppo di intervento aerobico ( n=65 ) o al gruppo di controllo attivo ( n=65 ).
I dati di 125 pazienti ( 96% ) erano disponibili per l'analisi primaria; 5 pazienti sono stati persi al follow-up ( 4 nel gruppo di intervento; 1 nel gruppo di controllo ). 20 pazienti ( 10 in ciascun gruppo ) non hanno completato il programma assegnato.

Il punteggio motorio alla scala MDS-UPDRS in stato off ha rivelato una differenza tra i gruppi di 4.2 punti ( P=0.0020 ) a favore dell'esercizio aerobico ( media 1.3 punti nel gruppo di intervento e 5.6 punti nel gruppo di controllo ).

11 pazienti hanno manifestato eventi avversi potenzialmente correlati ( 7, 11%, nel gruppo di intervento, 4, 6%, nel gruppo di controllo ) e 7 eventi avversi gravi non-correlati ( 3 nel gruppo di intervento: disturbo vestibolare, collasso vasovagale, lesioni al ginocchio durante il giardinaggio che hanno richiesto un intervento chirurgico; 6%; 4 nel gruppo di controllo: tachicardia sopraventricolare, frattura dell'anca, lesione da caduta, discinesia grave dopo dose di sopra la soglia di Levodopa in un paziente con stimolazione cerebrale profonda; 7% ).

L'esercizio aerobico può essere eseguito a casa da pazienti con malattia di Parkinson di lieve gravità e attenua i segni motori nello stato off.
Gli studi futuri dovrebbero stabilire l'efficacia a lungo termine e i possibili effetti di modifica della malattia. ( Xagena2019 )

van der Kolk NM et al, Lancet Neurology 2019; 18: 998-1008

Neuro2019



Indietro