Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Duodopa nel trattamento della malattia di Parkinson in fase avanzata


La somministrazione enterale di un gel di Levodopa / Carbidopa ( Duodopa ) è utilizzata per il trattamento della malattia del Parkinson avanzata nei pazienti con fluttuazioni motorie e discinesia.
Sono stati riassunti i dati di efficacia e di sicurezza per questo medicinale.

Sono state utilizzate differenze clinicamente importanti ( CID ) per valutare se i miglioramenti statistici nei sintomi si traducessero in miglioramenti significativi per i pazienti.

Una ricerca in PubMed, condotta nel 2012, ha trovato 23 pubblicazioni con dati di efficacia e 33 con dati di sicurezza.

Su 11 studi che riportavano i punteggi alla scala UPDRS III ( Unified Parkinson’s Disease Rating Scale ), 10 hanno mostrato miglioramenti che soddisfacevano il CID di 10.8 punti.
Su 7 studi che riportavano punteggi alla scala UPDRS IV, 5 hanno trovato miglioramenti che soddisfacevano il CID di 2.3 punti.

La qualità di vita ( QoL ) è stata valutata in 6 studi utilizzando la versione a 8 o 39 domande del Parkinson’s Disease Questionnaire, e tutti i miglioramenti segnalati che hanno soddisfatto il CID ( 10 punti ).

A causa della natura dei dati, non è stato possibile fornire il numero esatto della frequenza di eventi avversi.
Tuttavia, i risultati sembrano essere in linea con una precedente relazione secondo cui la maggior parte degli eventi avversi sono stati collegati al sistema di infusione o alla procedura chirurgica piuttosto che al medicinale.

In conclusione, la grande maggioranza degli studi ha riportato che Duodopa è clinicamente efficace per alleviare i sintomi della malattia di Parkinson in fase avanzata, e migliora la qualità di vita a confronto con la terapia convenzionale. ( Xagena2012 )

Nyholm D, Parkinsonism Relat Disord 2012; 18: 916-929

Neuro2012 Farma2012


Indietro