Neurobase.it
XagenaNewsletter
Tumori testa-collo
Medical Meeting

Decorso e fattori di rischio per eccessiva sonnolenza diurna nella malattia di Parkinson


L'eccessiva sonnolenza diurna è una caratteristica comune della malattia di Parkinson che contribuisce al carico di malattia e aumenta il rischio di lesioni.

Sono stati esaminati persistenza, associazioni trasversali e longitudinali, e fattori di rischio per l’eccessiva sonnolenza diurna nei pazienti con malattia di Parkinson.
Le analisi sono state effettuate sui dati provenienti dalla coorte SCOPA-PROPARK, una coorte longitudinale ospedaliera di 5 anni di oltre 400 pazienti con malattia di Parkinson che sono stati esaminati ogni anno.

Sono state valutate le differenze tra i pazienti con e senza eccessiva sonnolenza diurna al basale, e sono stati identificati i fattori associati con i cambiamenti longitudinali nei punteggi SCOPA-SLEEP-Daytime Sleepiness ( SCOPA-Sleep-DS ).
È stata effettuata una analisi di sopravvivenza utilizzando i dati di pazienti senza eccessiva sonnolenza diurna al basale per identificare i fattori di rischio per futura eccessiva sonnolenza diurna.

L’eccessiva sonnolenza diurna si è dimostrata un sintomo non-persistente, anche se la persistenza e la percentuale di pazienti con eccessiva sonnolenza diurna è aumentata con follow-up più lunghi.

Al basale il 43% dei pazienti presentava eccessiva sonnolenza diurna, mentre il 46% dei pazienti senza eccessiva sonnolenza diurna al basale ha sviluppato questo sintomo durante il follow-up.

Il genere maschile, lo scarso sonno notturno, le disfunzioni cognitive e autonomiche, le allucinazioni, le discinesie meno gravi, la dose di agonisti della dopamina e l'uso di antipertensivi sono stati associati con più alti punteggi di eccessiva sonnolenza diurna nel corso del tempo, mentre l'uso di benzodiazepine è stato associato con punteggi più bassi.

Il punteggio basale SCOPA-SLEEP-DS e il fenotipo PIGD ( Postural Instability Gait Disorder ) erano fattori di rischio per futura eccessiva sonnolenza diurna.

In conclusione, con una durata della malattia più lunga, una grande percentuale di pazienti sviluppa eccessiva sonnolenza diurna.
Alcuni fattori di rischio sono modificabili e i pazienti dovrebbero essere monitorati per migliorare la qualità di vita e ridurre il rischio di lesioni. ( Xagena2016 )

Zhu K et al, Parkinsonism Relat Disord 2016; 24: 34-40

Neuro2016



Indietro