Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Associazione di NO2 e altre esposizioni all'inquinamento atmosferico con il rischio di malattia di Parkinson


Lo sviluppo della malattia di Parkinson può essere promosso dall'esposizione all'inquinamento atmosferico.
È stata esaminata la potenziale associazione tra esposizione a particolato ( PM 2.5 e PM 10 ), biossido di azoto ( NO2 ), ozono ( O3 ), anidride solforosa ( SO2 ) e monossido di carbonio ( CO ), e il rischio di malattia di Parkinson incidente.

Questo studio di coorte retrospettivo ha utilizzato i dati del Korean National Health Insurance Service.
Tra i 1.021.208 di individui coreani presenti nel database, quelli che avevano vissuto a Seoul dal gennaio 2002 al dicembre 2006 ( n=176.875 ) sono stati sottoposti a screening per l'idoneità.

In questo studio sono stati inclusi in totale 78.830 adulti di età superiore a 40 anni senza malattia di Parkinson e che hanno vissuto a Seoul tra il 2002 e il 2006.
Sono stati esclusi gli individui con diagnosi di malattia di Parkinson prima del 2006 ( n=159 ) e gli individui di età pari o inferiore a 40 anni ( n=97.886 ).
Ogni partecipante è stato seguito annualmente dal 2007 al 2015, sommando così fino a 757.704 anni-persona totali di follow-up. I dati sono stati analizzati nel 2020.

I livelli di esposizione individuale a PM 2.5, PM 10, NO2, O3, SO2 e CO sono stati stimati in base all'indirizzo di residenza dei partecipanti a livello distrettuale.
Per valutare l'esposizione a lungo termine all'inquinamento atmosferico, è stata calcolata l'esposizione media variabile nel tempo di 5 anni all'inquinamento atmosferico per ciascun partecipante.

La misura dell'esito era l'associazione tra inquinamento atmosferico e rischio di malattia di Parkinson incidente misurato come rapporto di rischio dopo aggiustamento per fattori demografici, fattori socioeconomici e comorbilità mediche.

Al basale, l'età media dei 78.830 partecipanti era di 54.4 anni e 41.070 ( 52.1% ) erano donne. Durante il periodo di studio sono stati identificati in totale 338 individui con malattia di Parkinson di nuova diagnosi.

L'esposizione a NO2 è stata associata a un aumento del rischio di malattia di Parkinson ( hazard ratio per il quartile più alto rispetto a quello più basso, HR=1.41; P per trend=0.045 ).
Non è stata trovata nessuna associazione statisticamente significativa tra l'esposizione a PM 2.5, PM 10, O3, SO2, o CO e l'incidenza di malattia di Parkinson.

In questo ampio studio di coorte, è stata identificata un'associazione statisticamente significativa tra esposizione a NO2 e rischio di malattia di Parkinson.
Da questo studio è emerso il ruolo degli inquinanti atmosferici nello sviluppo della malattia di Parkinson, sostenendo la necessità di attuare una politica di salute pubblica mirata. ( Xagena2021 )

Jo S et al, JAMA Neurol 2021; 78: 800-800

Neuro2021 Med2021



Indietro