Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Amiloide correlato al declino cognitivo nei pazienti con malattia di Parkinson senza demenza


Si è cercato di determinare se il carico di amiloide, come indicizzato dalla ritenzione del tracciante Pittsburgh compound B ( PiB ), identifica i pazienti con malattia di Parkinson con deterioramento cognitivo lieve ( PD-MCI ) rispetto a quelli con normale capacità cognitiva ( PD-nl ). Un obiettivo correlato è stato quello di determinare se il carico di amiloide possa predire il declino cognitivo in una coorte di soggetti con malattia di Parkinson senza demenza.

In uno studio prospettico di coorte sono stati esaminati 46 soggetti con malattia di Parkinson senza demenza, di cui 35 con capacità cognitiva normale e 11 che soddisfacevano i criteri per malattia di Parkinson con deterioramento cognitivo lieve al basale.

Tutti i soggetti sono stati sottoposti ad esami neurologici e neuropsicologici standardizzati e PiB PET al basale, e gli esami clinici sono stati condotti annualmente per un massimo di 5 anni.

Al basale, la ritenzione di PiB precuneo non ha distinto i pazienti con malattia di Parkinson con deterioramento cognitivo lieve dai pazienti con cognizione normale.
I soggetti con malattia di Parkinson con deterioramento cognitivo lieve hanno presentato un declino più rapido rispetto ai soggetti con capacità cognitiva normale nei test cognitivi di memoria, funzione esecutiva e di recupero dell’attivazione.

Dei 35 soggetti con normale capacità cognitiva, 8 sono progrediti a malattia di Parkinson con deterioramento cognitivo lieve e 1 a demenza; degli 11 soggetti con malattia di Parkinson con deterioramento cognitivo lieve, 5 hanno sviluppato demenza.

Sia una maggiore ritenzione di PiB sia una diagnosi di malattia di Parkinson con deterioramento cognitivo lieve hanno predetto un rischio maggiore di conversione a una più grave diagnosi.

La ritenzione di PiB al basale ha previsto un peggioramento della funzione esecutiva nel corso del tempo.

Anche l'allele APOE epsilon4 ha dimostrato di essere legato al peggioramento della funzione esecutiva, così come della funzione visuo-spaziale, del recupero della attivazione e delle prestazioni al Mini-Mental State Examination.

In contrasto con la sua relazione con il declino cognitivo, la ritenzione di PiB non ha influenzato la progressione della disabilità motoria.

In conclusione, nelle misurazioni di base, il carico di amiloide non distingue tra soggetti con malattia di Parkinson con decadimento cognitivo e soggetti con malattia di Parkinson senza decadimento cognitivo e senza demenza, ma i dati suggeriscono che l'amiloide contribuisce a declino cognitivo, ma non motorio, nel corso del tempo. ( Xagena2013 )

Gomperts SN et al, Neurology 2013; 80: 85-91

Neuro2013



Indietro