Tumori testa-collo
Amsterdam congress
XXIII World Congress of Neurology

Monitoraggio dei marcatori candidati nella malattia di Parkinson in fase precoce come marcatori di progressione


Uno studio longitudinale monocentrico di coorte ha esaminato i marcatori di progressione multimodale della malattia di Parkinson nei pazienti con malattia di Parkinson di recente diagnosi ( n=123 ) e in controlli di pari età neurologicamente sani ( n=106 ).

Al basale, 30 test eseguiti anche dopo 24 mesi hanno indagato i sintomi non-motori, la funzione cognitiva, e i disturbi del comportamento del sonno REM con la polisonnografia, la morfometria basata sui voxel ( VBM ) del cervello con la risonanza magnetica, e i marcatori del liquido cefalorachidiano.

È stato identificato un panel composito di 10 marcatori informativi.

Un significativo peggioramento relativo ( Parkinson vs controlli sani ) è stato osservato con i seguenti marcatori: Unified Parkinson’s Disease Rating Scale I ( d 0.39 ), Autonomic Scale for Outcomes in Parkinson’s Disease ( d 0.25 ), Epworth Sleepiness Scale ( d 0.47 ), RBD Screening Questionnaire ( d 0.44 ) e RBD da PSG ( d 0.37 ), così come unità VBM di materia grigia corticale ( d -0.2 ) e nell'ippocampo ( d -0.15 ).

I marcatori con un relativo miglioramento hanno incluso la Nonmotor Symptom ( Severity ) Scale ( d -0.19 ) e due scale di depressione ( Beck Depression Inventory d -0.18; Montgomery-Asberg Depression Rating Scale d -0.26 ).

Inaspettatamente, le misure cognitive e i marcatori selezionati di laboratorio non sono risultati significativamente modificati nei partecipanti con malattia di Parkinson rispetto ai controlli sani.

In conclusione, i biomarcatori del liquor cefalorachidiano e le scale cognitive attuali non rappresentano marcatori di progressione utili.
Tuttavia, le misure di sonno e di imaging, e in una certa misura anche i sintomi non-motori, valutati utilizzando scale adeguate, possono essere indicatori più informativi per quantificare la progressione. ( Xagena2016 )

Mollenhauer B et al, Neurology 2016; 87: 168-177

Neuro2016



Indietro