Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Stimolazione cerebrale profonda per la malattia di Parkinson


È stata compiuta una revisione della letteratura con l’obiettivo di fornire raccomandazioni ai pazienti, ai medici e a altri operatori sanitari su diverse questioni che coinvolgono la stimolazione cerebrale profonda per la malattia di Parkinson.

I pazienti con malattia di Parkinson senza significativi problemi cognitivi o psichiatrici, attivi, che presentano fluttuazioni motorie medicalmente intrattabili, tremore intrattabile, o intolleranza agli effetti avversi da farmaci sono buoni candidati per la stimolazione cerebrale profonda.

La chirurgia di stimolazione profonda del cervello è meglio eseguita da un neurochirurgo esperto con competenze in neurochirurgia stereotassica che lavori come parte di un team interprofessionale.

I tassi di complicanze chirurgiche sono estremamente variabili, con l'infezione come complicazione più comunemente riportata della tecnica di stimolazione cerebrale profonda.

La programmazione della stimolazione profonda del cervello è meglio eseguita da un medico altamente qualificato e può richiedere da 3 a 6 mesi per ottenere risultati ottimali.

La stimolazione profonda del cervello migliora i sintomi di risposta alla Levodopa, discinesia e tremore; i benefici sembrano essere di lunga durata in molti domini motori.

La stimolazione cerebrale profonda dei nuclei subtalamici può essere complicata da depressione maggiore, apatia, impulsività, peggiorata fluenza verbale e disfunzione esecutiva in un sottogruppo di pazienti.

La stimolazione cerebrale profonda sia della parte interna del globo pallido che dei nuclei subtalamici ha dimostrato di essere efficace nel risolvere i sintomi motori della malattia di Parkinson.

La terapia ablativa è ancora un'alternativa efficace e dovrebbe essere presa in considerazione in un gruppo selezionato di pazienti idonei. ( Xagena2011 )

Bronstein JM et al, Arch Neurol 2011; 68: 165


Neuro2011 Chiru2011



Indietro