Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Parafilie e disturbi parafilici nella malattia di Parkinson


Le parafilie sono stimoli intensi o comportamenti che coinvolgono interessi sessuali non-normali.
I criteri diagnostici di recente approvazione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, quinta edizione ( DSM-5 ) hanno stabilito che, anche se le parafilie non dovrebbero essere considerate come intrinsecamente patologiche, dovrebbero essere qualificate come disturbi parafilici se comportano disagio o danni alla persona interessata o ad altri.

Documenti recenti hanno evidenziato che entrambi i fenomeni possono emergere come conseguenze iatrogene relativamente poco comuni nei pazienti con malattia di Parkinson.

Per descrivere le caratteristiche cliniche delle parafilie e dei disturbi parafilici nei pazienti con malattia di Parkinson sono stati riassunti i dati disponibili su questi fenomeni.
La revisione ha compreso tutti gli studi sulle parafilie nei pazienti con malattia di Parkinson identificati da una ricerca sui database online fino a maggio 2014.

Sono stati identificati 22 casi su un totale di 31 pazienti affetti da malattia di Parkinson con parafilie o disturbi parafilici.
Questi fenomeni sono stati generalmente associati a un trattamento dopaminomimetico ( con una dose media giornaliera equivalente di Levodopa di 1.303 mg/die ) in pazienti maschi con complicanze motorie, giovane età all’insorgenza della malattia di Parkinson e lunga durata della malattia.

Le parafilie erano altamente concomitanti con disturbi del controllo degli impulsi o sindrome di disregolazione della dopamina.
Anche se le evidenze sulle parafilie e sui disturbi parafilici nei pazienti con malattia di Parkinson rimangono aneddotiche, i dati disponibili indicano questi fenomeni come probabili sequele del trattamento dopaminomimetico ad alte dosi.

Pertanto, l'intensità degli impulsi parafilici è tipicamente attenuata dalla riduzione delle dosi di dopaminomimetico, talvolta in associazione con antipsicotici atipici.

Il mancato riconoscimento dei disturbi parafilici può compromettere notevolmente il funzionamento relazionale dei pazienti affetti da malattia di Parkinson. ( Xagena2015 )

Solla P et al, Mov Disord 2015; Epub ahead of print

Neuro2015



Indietro