Neurobase.it
XagenaNewsletter
Tumori testa-collo
Medical Meeting

Inibitore della colinesterasi: Donepezil riduce l’incidenza delle cadute nella malattia di Parkinson


È stato condotto uno studio allo scopo di valutare se un inibitore della colinesterasi con azione sul sistema nervoso centrale fosse in grado di ridurre la frequenza delle cadute in pazienti con malattia di Parkinson e avanzata instabilità posturale.

Le cadute legate a instabilità posturale sono un problema significativo nella malattia di Parkinson in stadio avanzato e sono influenzate solo minimamente dalla terapia dopaminergica.

I farmaci anticolinergici aumentano le cadute negli anziani e un’ulteriore perdita di neuroni colinergici nel sistema nervoso centrale si manifesta nei pazienti con malattia di Parkinson.

È stato ipotizzato che un aumento dell'acetilcolina potesse ridurre le cadute frequenti in pazienti con malattia di Parkinson.

Nello studio randomizzato, placebo-controllato e con disegno crossover sono stati arruolati 23 persone affette da malattia di Parkinson che avevano riferito cadute o episodi vicini alla caduta più di 2 volte a settimana.

Ai pazienti coinvolti sono stati somministrati Donepezil ( Aricept ) o placebo per 6 settimane con un periodo di washout di 3 settimane tra le fasi.

Gli esiti primari erano le cadute giornaliere e gli episodi vicini alla caduta, mentre quelli secondari includevano i punteggi alle scale ABC ( Activities of Balance Confidence Scale ), BBS ( Berg Balance Scale ), CGI-C ( Clinical Global Impression of Change ), MMSE ( Folstein Mini-Mental State Examination ) e alla sezione motoria della scala UPDRS ( Unified Parkinson's Disease Rating Scale ).

La frequenza di cadute al giorno con placebo è stata pari a 0.25 contro 0.13 con Donepezil ( p minore di 0.05 ), mentre la frequenza degli episodi vicini alla caduta non ha mostrato differenze significative tra le due fasi.

Anche gli esiti secondari non hanno mostrato differenze, ma tuttavia è emersa una tendenza verso il miglioramento nella scala Global Impression of Change compilata dal paziente.

In conclusione, persone con malattia di Parkinson sono soggette a cadute con una frequenza circa dimezzata nel corso delle 6 settimane di trattamento con Donepezil rispetto a quanto osservato con placebo, ma servono studi più ampi sull'aumento colinergico in pazienti con malattia di Parkinson che cadono frequentemente.
Lo studio ha messo in evidenza il fatto che Donepezil ( dose massima di 10 mg al giorno ) riduce in modo significativo il numero di cadute in pazienti con malattia di Parkinson ( 0.13 cadute/giorno ) rispetto a placebo ( 0.25 cadute/giorno, p=0.049 ). ( Xagena2010 )

Chung KA et al, Neurology 2010; 75: 1263-9


Neuro2010 Farma2010




Indietro