Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Esposizione ai pesticidi e rischio di malattia di Parkinson


L’esposizione a pesticidi sembra rappresentare un fattore di rischio per l’insorgenza della malattia di Parkinson, ma al riguardo i dati epidemiologici non hanno fornito dati conclusivi.
Ricercatori della Washington University a Seattle hanno condotto uno studio finalizzato a studiare l’associazione tra esposizione a pesticidi e malattia di Parkinson idiopatica.

Hanno preso parte allo studio 250 pazienti con Parkinson.

I Ricercatori hanno valutato le dichiarazioni dei pazienti riguardo all’esposizione ai pesticidi.

L’odds ratio ( OR ) per l’esposizione occupazionale non è risultato significativo, ma ha indicato delle differenze tra le esposizioni occupazionali ( persone che producono i pesticidi, OR = 2.07; agricoltori, OR = 1.65; allevatori ed agricoltori, OR = 1.10 e lavoratori caseari, OR = 0.88.

Gli OR per gli organofosfati sono risultati in linea con le classificazioni del rischio elaborate da WHO ( World Health Organization ), con paration molto più alto di diazinon o di malation.

E’stato anche riscontrato un OR elevato per gli erbicidi ( OR = 1.41 ) e per il paraquat ( OR = 1.67 ).

Non è emersa alcuna evidenza di rischio dovuta alle esposizioni domestiche ai pesticidi.

E’stato osservato un significativo aumento del rischio dal consumo di acqua per un lungo tempo ( OR = 1.81 ).

Dallo studio è emerso che le esposizioni occupazionali ai pesticidi sono correlate alla malattia di Parkinson, mentre i rischi sarebbero bassi per l’esposizione domestica e rurale.( Xagena2005 )

Firestone JA et al, Arch Neurol 2005; 62: 91-95

Neuro2005


Indietro