Neurobase.it
Tumori testa-collo
XagenaNewsletter
Xagena Mappa

Esito neuropsicologico dopo stimolazione cerebrale profonda per la malattia di Parkinson


È stato valutato l'esito neuropsicologico 12 mesi dopo la stimolazione bilaterale profonda del cervello ( DBS ) del globo pallido pars interna ( GPi ) o del nucleo subtalamico ( STN ) per la malattia di Parkinson in fase avanzata.

Sono stati assegnati in modo casuale i pazienti a ricevere stimolazione cerebrale profonda del globo pallido pars interna o del nucleo subtalamico.

Sono stati eseguiti test neuropsicologici standardizzati al basale e dopo 12 mesi.
I pazienti e i ricercatori dello studio erano tenuti all’oscuro dell’assegnazione del trattamento.

L'analisi univariata dei cambiamenti dei punteggi ha indicato differenze di gruppo ai test Stroop di lettura delle parole e di denominazione dei colori, alla scala TMT-B ( Trail Making Test B ) e alla scala WAIS ( Wechsler Adult Intelligence Scale ) similitudini, con stimolazione cerebrale profonda del nucleo subtalamico che ha mostrato maggiori variazioni negative della stimolazione cerebrale profonda del globo pallido pars interna.

Non sono state riscontrate differenze tra stimolazione cerebrale profonda del globo pallido pars interna e del nucleo subtalamico agli altri test neuropsicologici.

L'età avanzata e una migliore fluidità semantica al basale hanno previsto il declino cognitivo dopo stimolazione cerebrale profonda.

In conclusione, non sono state trovate differenze clinicamente significative nei risultati neuropsicologici tra stimolazione cerebrale profonda del globo pallido pars interna e stimolazione del nucleo subtalamico.
Nessuna spiegazione soddisfacente è disponibile per il valore predittivo della scioltezza semantica al basale per il declino cognitivo. ( Xagena2015 )

Odekerken VJJ et al, Neurology 2015:84;1355-1361

Neuro2015



Indietro