Tumori testa-collo
Amsterdam congress
XXIII World Congress of Neurology

Malattia di Parkinson associata a ridotto rischio di cancro alla prostata


La crescita e la progressione del cancro alla prostata possono essere collegati a neurogenesi e ai trattamento medici per il Parkinson, ma i risultati non sono conclusivi.
Pertanto, è stata esaminata l'associazione tra malattia di Parkinson e il rischio di cancro alla prostata in uno studio caso-controllo basato sulla popolazione.

Sono stati identificati 45.429 pazienti con diagnosi di cancro alla prostata incidente durante il periodo 1997-2010 dal Registro Nazionale dei Tumori della Danimarca.
Cinque controlli di popolazione di pari età ( n = 227.145 ) sono stati selezionati per ogni singolo caso.

Le analisi sono state stratificate per durata della malattia di Parkinson e stadio del tumore alla prostata ( localizzato e avanzato ).

In totale, 245 pazienti ( 0.5% ) e 1656 controlli ( 0.7% ) hanno manifestato la malattia di Parkinson.

In generale, i pazienti con malattia di Parkinson avevano un rischio di cancro alla prostata più basso del 27%, rispetto ai pazienti senza malattia di Parkinson ( odds ratio aggiustato, aOR= 0.73; intervallo di confidenza 95%, 0.63-0.83 ).

Il rischio di cancro alla prostata è diminuito con l'aumentare della durata della malattia di Parkinson.

Gli odds ratio erano leggermente inferiori per il cancro della prostata avanzato ( aOR= 0.68; IC 95%, 0.52-0.88 ) che per il cancro della prostata localizzato ( aOR=0.76; IC 95%, 0.61-0.93 ).

In conclusione, la malattia di Parkinson è risultata associata a una riduzione complessiva del rischio di cancro alla prostata ( 27% ). ( Xagena2016 )

Jespersen CG et al, Cancer Epidemiol 2016; 45: 157-161

Neuro2016 Onco2016 Uro2016



Indietro