Amsterdam congress
XVII Congresso Nazionale SIRN
XXIII World Congress of Neurology

Disfunzione cardiovascolare nella malattia di Parkinson non-trattata


La presentazione clinica della malattia di Parkinson comprende un ampio spettro di funzioni non-motorie, tra cui insufficienza autonomica cardiovascolare.

È stato valutato lo stato cardiovascolare autonomico e la capacità funzionali cardiache nei pazienti con Parkinson naive ai farmaci.

18 pazienti con malattia di Parkinson di nuova diagnosi sono stati sottoposti a test di funzionalità cardiovascolare autonomica di laboratorio utilizzando l'analisi spettrale dell'intervallo RR, la variabilità della pressione arteriosa a breve termine e la sensibilità baroriflessa non-invasiva.

Sono stati anche eseguiti ecocardiogramma transtoracico bidimensionale ( 2D ), spirometria e test da sforzo cardiopolmonare ( CPET ).
13 pazienti sono stati sottoposti scintigrafia miocardica con 123 I metaiodobenzilguanidina ( MIBG ).

A riposo, l'analisi spettrale di potenza totale della variabilità della frequenza cardiaca è stata più bassa nei pazienti con malattia di Parkinson rispetto ai controlli.
La sensibilità baroriflessa è diminuita durante l'attivazione simpatica nei pazienti e nei controlli.

Mentre l'ecocardiografia e la spirometria sono risultate normali, un lieve grado di intolleranza all'esercizio è stato osservato al test cardiopolmonare da sforzo nei pazienti con malattia di Parkinson ( media V'O 2max: 83% del predetto; media Wmax : 80% del teorico ).

Il rapporto cuore / mediastino ( H/M ) di assorbimento di 123 I metaiodobenzilguanidina è risultato compromesso in modo patologico in 9 pazienti, uno dei quali ha mostrato un modello di sistema nervoso autonomo cardiovascolare definito.

In conclusione, i risultati hanno confermato che l’insufficienza autonomica cardiovascolare da subclinica a manifesta può avvenire sin dalle prime fasi della malattia di Parkinson.
La risposta adattativa meno efficiente a stimoli fisici durante test cardiopolmonare sotto sforzo e i cambiamenti posturali osservati nei pazienti parkinsoniani non-trattati probabilmente riflettono la denervazione simpatica cardiaca, anche se il coinvolgimento del danno motorio correlato al Parkinson nel decondizionamento fisico non può essere escluso. ( Xagena2016 )

Strano S et al, J Neurol Sci 2016; 370: 251-255

Neuro2016 Gastro2016



Indietro